Home / Catalogo Corsi sicurezza / Corso conduzione di Macchine Movimento Terra – Escavatori idraulici – caricatori frontali – terne

corsi sicurezza sulle attrezzature da lavoro

Corso conduzione di Macchine Movimento Terra – Escavatori idraulici – caricatori frontali – terne

COMMT

350,00 

+ iva

Q


    Legislazione: Art. 73, co. 5, D.Lgs. 81/2008, Allegato IX - Accordo Stato-Regioni 22/02/2012-European directive 89/655/EEC
    16 ore

    Il corso conduzione di Macchine Movimento Terra, Escavatori idraulici, caricatori frontali e terne ha l’obiettivo di fornire ai partecipati nozioni teoriche e in particolare pratiche per l’utilizzo delle attrezzature specifiche.

    Destinatari corso Conduzione Macchine Movimento Terra

    Operatori addetti all’utilizzo di Macchine Movimento Terra, Escavatori idraulici, caricatori frontali e terne

    Programma corso Conduzione Macchine Movimento Terra

    Modulo giuridico

    Normativa generale 

    • Normativa generale
    • Normativa di riferimento attrezzature di lavoro
    • Responsabilità dell’operatore

    Modulo tecnico

    Categorie di attrezzature 

    • I vari tipi di macchine movimento terra e descrizione delle caratteristiche generali e specifiche, con particolare riferimento a escavatori, caricatori, terne e autoribaltabili a cingoli. 

    Componenti strutturali 

    • Struttura portante, organi di trasmissione, organi di propulsione, organi di direzione e frenatura, circuiti dì comando, impianto idraulico, impianto elettrico (ciascuna componente riferita alle attrezzature oggetto del corso). 

    Dispositivi dì comando e di sicurezza 

    • Identificazione dei dispositivi di comando e loro funzionamento, identificazione dei dispositivi di sicurezza e loro funzione. Visibilità dell’attrezzatura e identificazione delle zone cieche, sistemi di accesso. 
    • Controlli da effettuare prima dell’utilizzo 
    • Controlli visivi e funzionali ad inizio ciclo di lavoro. 
    • Modalità di utilizzo in sicurezza e rischi 
    •  Analisi e valutazione dei rischi più ricorrenti nel ciclo base delle attrezzature (rischio di capovolgimento e stabilità statica e dinamica, contatti non intenzionali con organi in movimento e con superfici calde, rischi dovuti alla mobilità, ecc). Avviamento, spostamento, azionamenti, manovre, operazioni con le principali attrezzature di lavoro. Precauzioni da adottare sull’organizzazione dell’area di scavo o lavoro.  
    • Protezione nei confronti degli agenti fisici  
    • Rumore, vibrazioni al corpo intero ed al sistema mano-braccio. 

    Valutazione intermedia 

    Svolgimento di una prova intermedia di verifica consistente in un questionario a risposta multipla. Il superamento della prova teorica consentirà il passaggio al modulo pratico. 

    Modulo Pratico – Escavatori idraulici, caricatori frontali, terne 

    • Individuazione dei componenti strutturali 
    • Struttura portante, organi di trasmissione, organi di propulsione, organi di direzione e frenatura, dispositivi di accoppiamento e azionamento delle macchine operatrici. 
    • Individuazione dei dispositivi di comando e di sicurezza 
    • Identificazione dei dispositivi di comando e loro funzionamento, identificazione dei dispositivi di sicurezza e loro funzione, conoscenza dei pattern di comando. 
    • Controlli pre-uilizzo 
    • Controlli visivi e funzionali delle macchine, dei dispositivi di comando e di sicurezza.
    • Pianificazione delle operazioni di campo, scavo e caricamento 
    • Pendenze, accesso, ostacoli sul percorso, tipologia e condizioni del fondo e del terreno, sbancamento, livellamento, scavo, scavo offset, spostamento in pendenza a vuoto ed a carico nominale. Operazioni di movimentazione e sollevamento carichi, manovra di agganci rapidi per attrezzi. 

    Esercitazioni di pratiche operative 

    Guida degli escavatori idraulici, dei caricatori frontali e delle terne su strada. Le esercitazioni devono prevedere: 

    • a) predisposizione del mezzo e posizionamento organi di lavoro;  
    • b) guida con attrezzature. 

    Uso di escavatori idraulici, dei caricatori frontali e delle terne. Le esercitazioni devono prevedere: 

    • a) esecuzione di manovre di scavo e riempimento; 
    • b) accoppiamento attrezzature in piano e non; 
    • c) manovre di livellamento; 
    • d) operazioni di movimentazione carichi pesanti e di precisione; 
    • e) uso con forche o pinza; 
    • f) aggancio di attrezzature speciali (martello demolitore, pinza idraulica, trivella, ecc.) e loro impiego; 
    • g) manovre di caricamento. 

    Messa a riposo e trasporto degli escavatori idraulici, dei caricatori frontali e delle terne

    Parcheggio e rimessaggio (ricovero) in area idonea, precauzioni contro l’utilizzo non autorizzato. Salita sul carrellone di trasporto. Individuazione dei punti di aggancio per il sollevamento. 

    Valutazione finale corso Conduzione Macchine Movimento Terra

    Svolgimento delle prove pratiche di verifiche finali secondo l’accordo Stato Regioni Attrezzature del 22/02/2012.  

    IL RPF redige un apposito verbale di valutazione 

    Conclusione: Debriefing e discussione finale

    ASPETTI METODOLOGICI E ORGANIZZATIVI 

    Riferimenti normativi e soggetto formatore 

    Questo corso si svolge in attuazione dell’art.73 del D. Lgs. n. 81/2008 e Accordo Stato Regioni 22/02/2012. 

    Metodologia 

     Il corso è caratterizzato da una lezione teorica in cui si privilegeranno le metodologie didattiche interattive, che pongono l’attenzione sul bisogno del partecipante e da una pratica sul campo.  La visione e utilizzo e la prova dei carrelli elevatori semoventi con conducenti a bordo aiuteranno il partecipante nella prova pratica finale. 

    Docenti ed Istruttori 

    I docenti hanno esperienza documentata, almeno triennale, sia nel settore della formazione sia nel settore della prevenzione, sicurezza e salute nei luoghi di lavoro. 

    Gli istruttori hanno esperienza professionale pratica, documenta, almeno triennale, nelle tecniche di utilizzazione delle attrezzature.  

    Idoneità dell’area e disponibilità delle attrezzature 

    Per le attività pratiche vengono attuate le seguenti condizioni:

    • a) Un’area opportunamente delimitata con assenza di impianti o strutture che possano interferire con l’attività pratica di addestramento e con caratteristiche geotecniche e morfologiche (consistenza terreno, pendenze, gradini, avvallamento ecc) tali da consentire l’effettuazione di tutte le manovre pratiche. 
    • b) I carichi, gli ostacolo fissi e/o in movimento e gli apprestamenti che dovessero rendersi necessari a consentire l’effettuazione di tutte le manovre pratiche. 
    • c) Le attrezzature e gli accessori confermi alla tipologia per la quale viene rilasciata la categoria di abilitazione ed idonei (possibilità di intervento da parte dell’istruttore) all’attività di addestramento o equipaggiati con dispositivi aggiuntivi per l’effettuazione in sicurezza delle attività pratiche di addestramento e valutazione 
    • d) I dispositivi di protezione individuale necessari per l’effettuazione in sicurezza delle attività pratiche di addestramento e valutazione. Essi dovranno essere presenti nelle taglie/misure idonee per l’effettivo utilizzo da parte dei partecipanti delle attività pratiche. 

    Verifiche e valutazione 

    Il corso viene considerato superato qualora i partecipanti abbiano compreso in maniera efficace sia dal punto di vista teorico che pratico le principali tecniche e nozioni dei carrelli elevatori semoventi con conducenti a bordo. 

    Al termine dei due moduli teorici si svolgerà una prova intermedia di verifica che avrà come oggetto un questionario a risposta multipla. Il superamento della prova, che avverrà con almeno il 70% delle risposte esatte, consentirà il passaggio ai moduli pratici specifici. Il mancato superamento comporta la ripetizione dei due moduli. 

    Al termine di ognuno dei moduli pratici avrà luogo una prova pratica di verifica finale, che consisterà nell’esecuzione di alcune prove pratiche secondo l’accordo attrezzature 22/02/2012. 

    Tutte le prove pratiche per ciascuno dei moduli devono essere superate. 

    Frequenza corso 

    L’attestato di frequenza verrà rilasciato a fronte della frequenza del 90% delle ore totali 

    Attestato corso Conduzione Macchine Movimento Terra

    Al termine del corso verrà consegnato l’Attestato individuale ad ogni partecipante. L’Attestato di abilitazione, redatto sulla base del verbale finale della prova pratica, è firmato dal Responsabile del Progetto Formativo che ne rilascia l’originale ad ogni partecipante.

    Un patentino di abilitazione plastificato quale “Attestazione” dei dati contenuti nell’Attestato viene rilasciata all’operatore abilitato con indicata la data di scadenza della formazione.

    Per vedere il calendario dei corsi in programma clicca qui

    Categorie corsi

    Vuoi condividere questa pagina?